Ripristinare la tua memoria virtuale, e attivare la modalità alte prestazioni

0
ripristinarelamemoriavirtuareeaumentareleprestazionie
ripristinare la memoria virtuare e aumentare le prestazioni e1604342772338

La memoria virtuale è una combinazione di RAM e spazio sul disco rigido e può essere responsabile dell’uso eccessivo del disco rigido. Se non c’è abbastanza RAM per eseguire un’attività, l’HDD viene utilizzato per integrare la RAM. I dati trasferiti sull’HDD vengono quindi restituiti alla RAM quando richiesto.

Se sei arrivato così lontano e non hai ancora risolto il problema di utilizzo del disco al 100%, potrebbe valere la pena ripristinare la memoria virtuale.

Apri la schermata di sistema con Windows + Interrompi / Pausa , quindi Impostazioni di sistema avanzate a sinistra. Nella casella risultante, selezionare la scheda Avanzate , quindi in Prestazioni fare clic su Impostazioni .

Qui troverai un’altra scheda Avanzate , che ha una sezione etichettata Memoria virtuale . Fare clic su Cambia e deselezionare la casella di controllo Gestisci automaticamente le dimensioni del file di paging per tutte le unità .

Rimanendo su questa schermata, seleziona l’unità Windows (di solito C  e quindi Dimensioni personalizzate . Qui, aggiungi una dimensione iniziale e una dimensione massima ; notare che entrambi sono misurati in MB anziché in GB.

Questi numeri possono essere fonte di confusione, quindi con il primo valore fai affidamento sull’opzione consigliata. Per il valore massimo, punta a una cifra non superiore a 1,5 volte la RAM di sistema .

Ad esempio, un computer con 4 GB di RAM non dovrebbe avere più di 6,5 GB (6144 MB).

Con i valori inseriti, fai clic su Imposta , quindi su OK per continuare. Ora è necessario cancellare i file temporanei che sono stati utilizzati nella precedente allocazione di memoria virtuale.

Fallo aprendo la casella Esegui ( WIN + R ), quindi inserendo “temp”. Quando si apre la directory temporanea, selezionare tutti i file ( Ctrl + A ) e toccare Elimina sulla tastiera.

 Attiva la modalità ad alte prestazioni

Un’ultima cosa da provare è modificare le impostazioni di alimentazione di Windows. Le modalità di alimentazione standard sono più soggette al bug di utilizzo del disco al 100%, ma il passaggio a prestazioni elevate spesso risolve il problema.

Il rovescio della medaglia, ovviamente, è che il tuo computer utilizzerà più energia. Grazie al moderno design del processore questo non dovrebbe essere un grosso problema. Tuttavia, notebook e laptop sostitutivi del desktop potrebbero avere un impatto sulla durata della batteria.

Per passare a prestazioni elevate , apri la schermata Alimentazione e sospensione con WIN + X> Opzioni risparmio energia.

Qui, fai clic su Impostazioni di alimentazione aggiuntive , seleziona Prestazioni elevate , quindi OK .

Se questa non è un’opzione visualizzata, dovrai creare il tuo piano di alimentazione personalizzato. Fai clic su Crea un piano di risparmio energia , quindi scegli Prestazioni elevate . Assegna un nome al piano, modifica le impostazioni personali necessarie, quindi selezionalo come piano di risparmio energia da utilizzare.

In un momento o due, il problema di utilizzo del disco al 100% dovrebbe scendere a meno del 10%.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui