Windows 11 svelato online, Microsoft sul piede di guerra: chiede di bloccare la pagina web

0
Windowssvelatoonline
Windows 11 svelato online

Il leak di una versione acerba di Windows 11 è già disponibile online, ma Microsoft è già corsa ai ripari invocando il Digital Millennium Copyright Act per bloccarne la diffusione.

Il prototipo funzionante di Windows 11 è già scaricabile da Internet, ma Microsoft ha già invocato il Digital Millennium Copyright Act per bloccarne la diffusione. Questa legge, che risale 1998, consente infatti a un detentore dei diritti di copyright di domandare a un Internet Service Provider (ISP), a un provider di hosting o a un motore di ricerca la rimozione di una pagina web che rimanda o contiene suoi contenuti (foto, video, software, etc.). In questo caso il colosso di Redmond, come riporta Windows Central, ha notificato a Google la richiesta di eliminare, dai risultati del suo motore di ricerca, un articolo di Beebom.com che include un link per scaricare una copia di Windows 11. Non è chiaro se la notifica sia stata inviata anche ad altre realtà, come ad esempio chi gestisce i server coinvolti.

Windows 11 non è ancora pronto

La presentazione ufficiale di Windows 11 è stata programmata da Microsoft per giovedì 24 giugno. Il problema è che la settimana scorsa sono iniziate a trapelare online le prime immagini dell’interfaccia su un forum del cinese Baidu e successivamente sul sito Beebom.com – che risiede in India – un vero e proprio link per scaricare la ISO di Windows 11. Ovviamente Microsoft è scattata come un felino sulla preda perché è una violazione dei suoi diritti di copyright. Allo stesso tempo si parla pur sempre di una versione acerba del sistema operativo e non è stata neanche ancora stabilita una data per la distribuzione ufficiale del prodotto definitivo. Con Windows 10 ad esempio intercorse quasi un anno tra presentazione e lancio.

Cosa sappiamo e cosa non sappiamo

L’anteprima di Windows 11, sui cui si stanno scagliando specialisti, appassionati e curiosi, di certo svela la rinnovata interfaccia e alcune funzionalità. Ad esempio il nuovo tasto Start, che diventa una sorta di menu sulla falsariga del mondo Apple Mac OS, le nuove animazioni, il sistema di widget, etc. I primi test prestazionali che stanno emergendo online però appaiono fuori luogo poiché appunto si parla di una versione ancora molto acerba del software. Inoltre non è ancora chiaro quante versioni definitive verranno rilasciate e quali saranno le differenze. Infine rimane ancora avvolta dal mistero la strategia di distribuzione: sarà un aggiornamento gratuito come già avvenuto in passato?

 

PS: se ti è piaciuto questo articolo, regalami un tuo mi piace.
Articolo precedenteIl migliore hosting con server italiani per il tuo sito web
Articolo successivoMicrosoft, arriva Windows 11: layout rinnovato e apertura alle app Android
Roberto Ercolese
Web designer e webmaster freelance. Appassionato di comunicazione e nuove tecnologie, sviluppo e gestisco siti web vetrina, e-commerce, magazine dal 1995. Studio l’usabilità dei siti per una migliore fruizione dei contenuti da parte degli utenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui