Se ti piace questo articolo regalami un tuo
Sicurezza cloud 2021: guida aziendale agli strumenti essenziali

Sicurezza cloud 2021: guida aziendale agli strumenti essenziali

Le applicazioni cloud si sono rivelate utili per consentire il lavoro a distanza. Ma il cloud computing comporta rischi per la sicurezza.

I servizi di cloud computing sono diventati uno strumento vitale per la maggior parte delle aziende. È una tendenza che ha subito un’accelerazione di recente, con servizi basati su cloud come Zoom, Microsoft 365 e Google Workspace e molti altri che sono diventati gli strumenti di collaborazione e produttività preferiti dai team che lavorano in remoto.

Sebbene il cloud sia diventato rapidamente uno strumento essenziale, consentendo alle aziende e ai dipendenti di continuare a operare da casa, l’adozione del cloud può anche comportare ulteriori rischi per la sicurezza informatica, cosa che ora è sempre più evidente.

In precedenza, la maggior parte delle persone che si connetteva alla rete aziendale lo faceva dal proprio posto di lavoro e quindi accedeva ai propri account, file e server aziendali dall’interno degli uffici, protetto da firewall di livello aziendale e altri strumenti di sicurezza. L’uso esteso delle applicazioni cloud ha fatto sì che improvvisamente non fosse così, con gli utenti in grado di accedere ad applicazioni, documenti e servizi aziendali da qualsiasi luogo. Ciò ha portato alla necessità di nuovi strumenti di sicurezza.

Minacce alla sicurezza del cloud computing

Se è positivo per i lavoratori a distanza, perché consente loro di continuare con una parvenza di normalità, il lavoro da remoto rappresenta anche un’opportunità per i criminali informatici, che hanno rapidamente approfittato del passaggio al lavoro a distanza per tentare di entrare nelle reti di organizzazioni che hanno sicurezza cloud mal configurata.

Le VPN aziendali e le suite di applicazioni basate su cloud sono diventate i bersagli principali per gli attacker. Se non adeguatamente protetti, tutti questi possono fornire ai criminali informatici un semplice mezzo per accedere alle reti aziendali. Tutto ciò che gli aggressori devono fare è ottenere un nome utente e una password, rubandoli tramite un’email di phishing o utilizzando attacchi di forza bruta per violare password semplici.

Poiché l’intruso sta utilizzando le credenziali di accesso legittime di qualcuno che sta già lavorando in remoto , è più difficile rilevare l’accesso non autorizzato, soprattutto considerando come il passaggio al lavoro a distanza ha portato alcune persone a lavorare in orari diversi da quelli che potrebbero essere considerati orari lavorativi principali.

Gli attacchi contro le applicazioni cloud possono essere estremamente dannosi per le vittime poiché i criminali informatici potrebbero rimanere sulla rete per settimane o mesi. A volte rubano grandi quantità di informazioni aziendali sensibili; a volte potrebbero utilizzare i servizi cloud come punto di ingresso iniziale per gettare le basi per un attacco ransomware che può portare loro sia a rubare dati che a distribuire ransomware. Ecco perché è importante che le aziende che utilizzano applicazioni cloud dispongano degli strumenti e delle pratiche corretti per garantire che gli utenti possano utilizzare in sicurezza i servizi cloud, indipendentemente da dove lavorano, e allo stesso tempo essere in grado di utilizzarli in modo efficiente.

Utilizza i controlli di autenticazione a più fattori sugli account utente

Un ovvio passo preventivo è quello di mettere in primo luogo forti controlli di sicurezza sul modo in cui gli utenti accedono ai servizi cloud. Che si tratti di una rete privata virtuale (VPN) , di un servizio di protocollo desktop remoto (RDP) o di una suite di applicazioni per ufficio, il personale dovrebbe aver bisogno di più del nome utente e della password per utilizzare i servizi.

“Una delle cose più importanti del cloud è l’identità re. L’identità diventa quasi il tuo proxy per assolutamente tutto. All’improvviso, l’identità, il suo ruolo e il modo in cui lo assegni hanno tutto il potere”, afferma Christian Arndt, direttore della sicurezza informatica presso PwC.

Che si tratti di software, che richieda all’utente di toccare un avviso sul proprio smartphone, o di hardware, che richieda all’utente di utilizzare una chiave USB sicura sul proprio computer, l’autenticazione a più fattori (MFA) fornisce una linea di difesa efficace contro tentativi di accesso agli account. Secondo Microsoft, l’ autenticazione a più fattori protegge dal 99,9% dei tentativi di accesso fraudolenti.

Non solo impedisce agli utenti non autorizzati di accedere automaticamente agli account, ma la notifica inviata dal servizio, che chiede all’utente se ha tentato di accedere, può fungere da avviso che qualcuno sta cercando di accedere all’account. Questo può essere usato per avvertire l’azienda che potrebbe essere il bersaglio di hacker malintenzionati.

Usare la crittografia 

La capacità di archiviare o trasferire facilmente i dati è uno dei vantaggi principali dell’utilizzo delle applicazioni cloud, ma per le organizzazioni che desiderano garantire la sicurezza dei propri dati, i processi non dovrebbero comportare semplicemente il caricamento dei dati nel cloud e dimenticarsene. C’è un ulteriore passaggio che le aziende possono intraprendere per proteggere i dati caricati sui servizi cloud: la crittografia.

Proprio come quando sono archiviati su normali PC e server, la crittografia dei dati li rende illeggibili, nascondendoli a utenti non autorizzati o malintenzionati. Alcuni provider cloud forniscono automaticamente questo servizio, impiegando una protezione end-to-end dei dati da e verso il cloud, nonché al suo interno, impedendo che vengano manipolati o rubati.

Applica le patch di sicurezza il più rapidamente possibile 

Come altre applicazioni, le applicazioni cloud possono ricevere aggiornamenti software man mano che i fornitori sviluppano e applicano correzioni per migliorare il funzionamento dei loro prodotti. Questi aggiornamenti possono contenere anche patch per vulnerabilità di sicurezza, poiché solo perché un’applicazione è ospitata da un provider cloud, non la rende invulnerabile alle vulnerabilità alla sicurezza e agli attacchi informatici.

Le patch di sicurezza critiche per le applicazioni VPN e RDP sono state rilasciate dai fornitori al fine di correggere le vulnerabilità della sicurezza che mettono le organizzazioni a rischio di attacchi informatici. Se questi non vengono applicati abbastanza rapidamente, c’è la possibilità che i criminali informatici abusino di questi servizi come punto di ingresso alla rete che può essere sfruttato per ulteriori attacchi informatici.

Usa gli strumenti per sapere cosa c’è sulla tua rete

Le aziende utilizzano sempre più servizi cloud e tenere traccia di ogni app cloud o server cloud creato è un lavoro duro. Ma ci sono molti, molti casi di dati aziendali lasciati esposti da un cattivo uso della sicurezza del cloud. Un servizio cloud può essere lasciato aperto ed esposto senza che un’organizzazione lo sappia . Le risorse di archiviazione cloud pubbliche esposte possono essere scoperte dagli aggressori e ciò può mettere a rischio l’intera organizzazione.

In queste circostanze, potrebbe essere utile utilizzare strumenti di gestione della postura della sicurezza del cloud (CSPM). Questi possono aiutare le organizzazioni a identificare e risolvere potenziali problemi di sicurezza relativi a configurazione errata e conformità nel cloud, fornendo un mezzo per ridurre la superficie di attacco disponibile per gli hacker da esaminare e aiutando a mantenere l’infrastruttura cloud protetta da potenziali attacchi e violazioni dei dati.

“La gestione della posizione di sicurezza del cloud è una tecnologia che valuta la deriva della configurazione in un ambiente in evoluzione e ti avvisa se le cose non sono in qualche modo sincronizzate con la tua linea di base e ciò potrebbe indicare che c’è qualcosa nel sistema che significa che più può essere sfruttato per scopi di compromesso”, afferma Merritt Maxim, vicepresidente e direttore della ricerca presso Forrester.

CSPM è una procedura automatizzata e l’uso di strumenti di gestione automatizzata può aiutare i team di sicurezza a rimanere aggiornati su avvisi e sviluppi. L’infrastruttura cloud può essere vasta e dover setacciare manualmente i servizi per trovare errori e anomalie sarebbe troppo per un essere umano, specialmente se ci sono dozzine di servizi cloud diversi sulla rete. L’automazione di questi processi può, quindi, aiutare a mantenere sicuro l’ambiente cloud.

“Non hai abbastanza persone per gestire 100 strumenti diversi nell’ambiente che cambia ogni giorno, quindi direi di provare a consolidare su piattaforme che risolvono un grosso problema e applicare l’automazione”, afferma TJ Gonen, responsabile della sicurezza cloud di Check Point Software, una società di sicurezza informatica.

Garantire la separazione degli account amministratore e utente

I servizi cloud possono essere complessi e alcuni membri del team IT avranno un accesso altamente privilegiato al servizio per aiutare a gestire il cloud. La compromissione di un account amministratore di alto livello potrebbe fornire a un utente malintenzionato un ampio controllo sulla rete e la possibilità di eseguire qualsiasi azione consentita dai privilegi di amministratore, il che potrebbe essere estremamente dannoso per l’azienda che utilizza i servizi cloud.

È quindi fondamentale che gli account amministratore siano protetti con strumenti come l’autenticazione a più fattori e che i privilegi a livello di amministratore siano forniti solo ai dipendenti che ne hanno bisogno per svolgere il proprio lavoro. Secondo l’NCSC , i dispositivi a livello di amministratore non dovrebbero essere in grado di navigare direttamente sul Web o leggere le e-mail, poiché ciò potrebbe mettere a rischio l’account di essere compromesso.

È anche importante garantire che gli utenti regolari che non necessitano di privilegi amministrativi non li dispongano, perché, in caso di compromissione dell’account, un utente malintenzionato potrebbe sfruttare rapidamente questo accesso per ottenere il controllo dei servizi cloud.

Usa i backup come piano di emergenza

Ma mentre i servizi cloud possono – e hanno – fornito alle organizzazioni di tutto il mondo dei vantaggi, è importante non affidarsi completamente al cloud per la sicurezza. Sebbene strumenti come l’autenticazione a due fattori e gli avvisi automatici possano aiutare a proteggere le reti, nessuna rete è impossibile da violare, e questo è particolarmente vero se non sono state applicate misure di sicurezza aggiuntive.

Ecco perché una buona strategia di sicurezza cloud dovrebbe prevedere anche l’ archiviazione di backup dei dati e l’archiviazione offline , quindi in caso di un evento che rende i servizi cloud non disponibili, c’è qualcosa con cui l’azienda può lavorare.

Utilizza applicazioni cloud semplici da utilizzare per i tuoi dipendenti

C’è qualcos’altro che le organizzazioni possono fare per garantire la sicurezza del cloud, ovvero fornire ai propri dipendenti gli strumenti corretti in primo luogo. Le suite di applicazioni cloud possono rendere la collaborazione più semplice per tutti, ma devono anche essere accessibili e intuitive da usare, altrimenti le organizzazioni corrono il rischio che i dipendenti non vogliano usarle.

Un’azienda potrebbe configurare la suite cloud aziendale più sicura possibile, ma se è troppo difficile da usare, i dipendenti, frustrati dall’impossibilità di svolgere il proprio lavoro, potrebbero invece ricorrere a strumenti di cloud pubblico .

Questo problema potrebbe comportare l’archiviazione dei dati aziendali in account personali, creando un rischio maggiore di furto, soprattutto se un utente non dispone dell’autenticazione a due fattori o di altri controlli per proteggere il proprio account personale.

Le informazioni rubate da un account personale potrebbero potenzialmente portare a una vasta violazione dei dati o a una più ampia compromissione dell’organizzazione nel suo insieme.

Pertanto, affinché un’azienda possa garantire una strategia di sicurezza cloud sicura, non solo dovrebbe utilizzare strumenti come l’autenticazione a più fattori, la crittografia e i backup offline per proteggere il più possibile i dati, ma deve anche assicurarsi che tutti questi strumenti sono semplici da usare per incoraggiare i dipendenti a usarli correttamente e seguire le migliori pratiche per la sicurezza del cloud.

About Roberto Ercolese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *